I falò notturni per salvare le viti, in Germania

Negli ultimi giorni diverse regioni tedesche hanno registrato temperature molto rigide, in un momento particolarmente delicato per la produzione di vino: il tepore della prima decade di aprile ha infatti portato a germogliare le viti nei campi; il freddo delle ultime settimane, viceversa, ha guastato le feste, mettendo in sofferenza i germogli appena sbocciati e provocando non poche preoccupazioni tra gli agricoltori.

Per correre ai ripari, i viticoltori di alcuni land tedeschi, come la Renania settentrionale-Vestfalia, sono ricorsi a un vecchio metodo in uso in diverse parti del mondo, ovvero l’accensione di piccoli candele e falò per riscaldare i vigneti e scongiurare le perdite. Lo spettacolo, che potete osservare negli scatti raccolti nella nostra gallery, è il frutto dell’estremo tentativo di limitare i danni attraverso un metodo umile, ben lontano dall’avanguardia tecnologica cui siamo abituati. In certi casi, la vecchia saggezza popolare è ancora l’unica soluzione efficace cui affidarsi.

The post I falò notturni per salvare le viti, in Germania appeared first on Wired.