TikTok molla Microsoft e si allea con Oracle negli Stati Uniti

(Photo by Thomas Trutschel/Photothek via Getty Images)

TikTok rifiuta l’offerta di Microsoft e avvia le trattative per una partnership con Oracle, altra contendente in lista per accaparrarsi le operazioni americane della piattaforma cinese. A un paio di giorni dalla scadenza fissata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump per la messa al bando e la vendita dell’app oltreoceano, l’azienda ByteDance, che controlla il famoso social di condivisione video, ha deciso di rifiutare la proposta di acquisto presentata dal colosso di Redmond, come si legge sul blog di Microsoft, per avviare invece un accordo commerciale e tecnologico con Oracle.

Secondo quanto riportato da Reuters, dopo il no a Microsoft nella corsa al controllo delle operazioni e alla gestione dei dati degli oltre 100 milioni di utenti americani, ByteDance pensa ora a un accordo con l’azienda Oracle, gruppo tecnologico californiano con forti legami con l’amministrazione Trump e attiva nel settore della fornitura di infrastrutture cloud nel paese.

In base alle notizie confermate anche dal Wall Street Journal, Oracle assumerebbe quindi la gestione e il controllo delle operazioni negli Stati Uniti e agirebbe come partner tecnologico del gruppo di Pechino, con un accordo che dovrà essere ora finalizzato entro il 12 novembre 2020. Ancora non è chiaro se si tratta quindi di una vendita vera e propria, e da quanto si legge ancora su Reuters, la tv di stato cinese in lingua inglese China Global Television Network ha citato fonti secondo cui ByteDance non avrebbe intenzione di svelare il codice sorgente della sua piattaforma ad aziende americane né di percorrere la strada della vendita delle operazioni oltreoceano né a Oracle né ad altri.

Insomma, con l’accordo proposto dalla società cinese, che settimana scorsa aveva trattato per chiedere a Washington un’estensione dei termini per la vendita rifiutata da Trump, Oracle assumerebbe la gestione degli utenti di Tiktok negli Stati Uniti e sta anche negoziando una quota all’interno degli asset americani della piattaforma. Partecipazioni di minoranza potrebbero poi essere affidate anche ad altri investitori di ByteDance come General Atlantic e Sequoia, con cui anche Oracle aveva preso contatti per supportare la sua proposta di acquisto del gruppo cinese.

La proposta di accordo tra ByteDance e Oracle è ora al vaglio della Casa Bianca e della Commissione investimenti esteri (Cfius) per una valutazione complessiva dell’operazione e per l’approvazione definitiva della partnership.

Intanto, la piattaforma TikTok ha anche annunciato un importante traguardo raggiunto in Europa, dove ha dichiarato di aver superato per la prima volta la cifra di 100 milioni di utenti mensili attivi e dove ha annunciato a inizio mese il lancio del suo Fondo TikTok per Creator con una dotazione di 250 milioni di euro per i prossimi tre anni.

The post TikTok molla Microsoft e si allea con Oracle negli Stati Uniti appeared first on Wired.